martedì 13 settembre 2011

Coppa ubriaca


Cosa si può fare con dei muffin buonissimi, ma che non si ha più voglia di mangiare??? Tantissime cose, basta modificarli in qualcos'altro che ci stuzzichi l'appettito! Ecco così che nasce la mia coppa ubriaca, semplice e veloce da preparare. Sarà un ottimo dessert anche per i palati più esigenti.

Ingredienti per 4 coppette:
- 3 muffin al cioccolato (per la ricetta andate qui)
- 4 tuorli
- mezzo litro di latte
- 1 fiala di aroma al rum o due cucchiai di rum
- 120 gr di zucchero
- 60 gr di farina
- mezzo bicchiere di caffè lungo zuccherato

Per preparare questo dolce bastano pochissime mosse. Iniziamo preparando la crema pasticcera aromatizzara: mettiamo in una terrina i tuorli, lo zucchero e la farina. Lavoriamo finchè il composto diventa spumoso. Poi aggiungiamo a filo il latte precedentemente riscaldato e misceliamo il tutto. La base ottenuta andrà rimessa sul fuoco e girata in continuazione fino all'ebollizione. Ecco che la crema è pronta, aggiungiamo il rum, mescoliamo per bene e lasciamo raffreddare.
Mentre la crema si fredda prendiamo i muffin e li tagliamo a fette sottili circa 1 cm.
Ora non ci resta che comporre i nostri dessert.
Iniziamo con uno strato di muffin che andrà poi inzuppato con il caffè, aggiungiamo uno strato di crema, e continuiamo ad alternare fino al completo riempimento delle coppette.
Infine decoriamo con le briciole avanzate dei muffin (della serie "non si butta via nulla").
Ed ecco pronto il nostro dolce!

2 commenti:

elena ha detto...

Aaaaaaaaaaaaaaaaa!!!...ci vuole proprio questo per festeggiare il mio primo giorno alle scuole superiori italiane...e stato bellissimo...ho capito tutto...e se qualcuno dice che non so parlare o scrivere l'italiano gli spaco la faccia...ahahahaaha...questa sera mi devo ubriacare anche se il rum non ce lo...mi basta il liquore al amarena...un bacio Roby...

speedy70 ha detto...

Strepitosa, bravissima adoro i ricicli!!!!

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti! Critiche, consigli e opinioni sono sempre ben accetti, basta che siano espressi con educazione e linguaggio appropriato.