sabato 31 marzo 2012

Focaccia croccante e resoconto della mia prima crociera



La scorsa settimana sono partita per la mia prima mini crociera.
Partenza da Civitavecchia il sabato, sosta a Genova la domenica e infine sbarco a Napoli il lunedì mattina.
Facevo da accompagnatrice alla mia amica Sara che facendo l'agente di viaggio viene spesso invitata a provare i pacchetti completamente gratis o quasi...
Stavolta abbiamo pagato solo il volo da Cagliari a Fiumicino e il rientro da Napoli.

Vi riassumo l'esperienza in poche parole: sarei rimasta lì per sempre.
Anche se a dirla tutta è stata una rincorsa senza precedenti! 
Saltavamo dalla Jacuzzi al buffet del pranzo, dal caffè pomeridiano al casinò, dal teatro alla cena... Teoricamente doveva essere un week-end tra ragazze all'insegna del relax, ma abbiamo dormito pochissimo, camminato moltissimo e mangiato di tutto e di più. 
In sostanza mi sono divertita come una matta anche se gli inconvenienti non sono mancati, vedi lo sciacquone del bagno non funzionante proprio quando se ha più bisogno, o le tipe che una volta scese a Napoli ci si sono aggregate e di cui non riuscivamo a liberarci, o le telefonate del responsabile area di Sara che le chiedeva come mai non fosse alla riunione mentre io ero seminuda in un camerino di H&M a misurare vestiti e scarpe e lei mi faceva da supervisore (non immaginate la corsa in metro dal negozio al porto di Genova...).
Credo che la parte maggiore del viaggio sia stata la compagnia.
Capita che si decida di partire con persone che si credevano meravigliose mentre alla fine si scopre di essere in viaggio con dei perfetti stronzi che saremo lieti di vedere divorati dai pescecani. Sara è proprio com'è normalmente divertente e super organizzata. Solitamente sono io quella che si preoccupa di gite, merende, luoghi da visitare, ma stavolta mi sono goduta il fatto di poter delegare tutto a qualcun altro come fanno solitamente i miei amici. Ora li capisco...

Tornata a casa la voglia di rimettermi ai fornelli era tanta, ma ho preferito aspettare di disintossicarmi dalla roba che ho mangiato e poi preparare questa focaccia. Niente di particolare o innovativo, solo un vecchio sapore che è sempre piacevole accompagnare a qualche salume o a una grigliata di carne arrosto (come ho fatto io).





Focaccia al rosmarino

Ingredienti:

450 gr di farina
15 gr di lievito di birra
1 bicchiere di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale abbondante
4 cucchiai d'olio extravergine di oliva
rosmarino 
.
Sciogliamo il lievito nell'acqua e impastiamo con la farina.
Aggiungiamo il sale e 2 cucchiai d'olio.
Lavoriamo ancora e poi mettiamo a lievitare in una ciotola ben coperta da un 
canovaccio in un luogo caldo e asciutto.
Dopo 1 ora circa rilavoriamo l'impasto, aggiungiamo il rosmarino a pezzetti e rimettiamolo a lievitare per altri 30 minuti.
Infine stendiamo sulla teglia, ungiamo la superficie con l'olio rimasto, cospargiamo con qualche altra fogliolina di rosmarino e cuociamo a 200°C per circa 20 minuti.

A me piaceva l'idea di addentare qualcosa di croccante, ma se preferite una focaccia soffice basta stenderla poco, lasciandola a circa 2 cm di spessore.








martedì 20 marzo 2012

Cheesecake alla Nutella di Nigella


Onestamente pensavo che la foto fosse uscita molto più brutta di così, anche se ammetto di non esserne soddisfatta. E' stata scattata che era già buio, e il dolce non mi è neanche uscito troppo carino...Però che buono...
Va bene, partiamo da principio. Amo Nigella Lawson! Mi piace guardarla mentre cucina cose ipercaloriche e deliziose, si lecca le dita, ripulisce le ciotole, e mangia i propri manicaretti come se fossero la cosa migliore del mondo. Oddio, a volte esagera pure, ma le perdoniamo tutto, perchè è proprio l'amore per il buon cibo che la rende quella che è. Ma tornando a noi, mentre curiosavo nel suo sito, mi sono imbattuta in una cheesecake alla nutella a cui non si poteva assolutamente rinunciare per un paio di ragioni:
  1.  sono Nutella dipendente ( e proprio per questo motivo non la compro mai)
  2. la cheesecake fredda è più goduriosa a mio parere
  3. non devo cuocere nulla, ma solo usare il frigo.
Vi bastano? Per me avanzano pure...

Cheesecake alla Nutella
di Nigella Lawson

Ingredienti:

• 250 gr di biscotti Digestive
75 gr di burro morbido non salato
400 g di Nutella (guarda caso esiste proprio un barattolo di questo peso)
•  100 gr di nocciole tostate tritate
500 g di formaggio tipo Philadelphia
60g di zucchero a velo


Mettiamo nel robot da cucina i biscotti, il burro e un cucchiaio di Nutella.
Iniziamo a tritare fino a quando il composto non si raggrumerà.
Vi sconsiglio di usare il frullatore perchè dopo un po' le lame non riusciranno più ad acchiappare l'impasto lasciandovi delle cose tritate a metà.
Aggiungiamo 25 gr circa di nocciole tritate e continuiamo a tritare fino ad ottenere un composto sabbioso nell'aspetto.
Ora disponiamo il nostro preparato alla base di una tortiera di circa 23 cm di diametro, premendo bene con le dita. Poi mettiamo in frigo per almeno 1 ora .
Intanto prepariamo la farcia mescolando il formaggio con lo zucchero a velo, a cui poi aggiungeremo la Nutella.
Versiamo il composto sul fondo precedentemente preparato,
lisciamo bene con un cucchiaio e corpargiamo con le restanti nocciole tritate
e rimettiamo in frigo per un periodo minimo di 4 ore.

giovedì 15 marzo 2012

Fagotti di crepes ripieni di ricotta aromatizzata





Ancora l'MTC. Ormai con questa storia delle crepes non riesco più a fermarmi, anzi, a dirla tutta ci sto prendendo gusto!!! La ricetta base è quella del post precedente, presa dal blog di Giuseppina, mentre per il ripieno ho pensato a una ricottina aromatizzata allo zafferano e scorza di arancio e limone.
Ricetta semplice ma efficace.


Fagotti di crepes ripieni di ricotta aromatizzata

Ingredienti per 2 fagotti:

  • 2 crepes
  • 200 gr di ricottina vaccina
  • 1 bustina di zafferano
  • la scorza di un'arancia
  • la scorza di un limone
  • 1 pizzico di sale
  • 1 noce di burro
  • qualche foglia di salvia
Mescoliamo in una ciotola la ricotta con lo zafferano e le scorze degli agrumi.
Mettiamo in ognuna delle due crepes (che devono essere calde) metà ripieno,
poi accostiamo i bordi a formare un fagotto.
Infine, vi poggiamo sopra una nocciolina di burro e una fogliolina di salvia.






martedì 13 marzo 2012

Torretta di crepes al cioccolato per l'MT Challenge di marzo



Ho passato la mia adolescenza spadellando crepes alla Nutella per i miei amici, quindi era ovvio che avrei partecipato all'MT challenge questo mese.
Perchè la sola parola mi fa tornare in mente l'odore del burro che si scioglie nella padella, del profumo della Nutella e il casino che facevano i miei cari attorno al tavolo della cucina. Le spazzolavano via alla velocità della luce, finchè non erano sazi. A quel punto preparavo le mie, e armata di forchetta e coltello mi andavo ad aggiungere all'allegra brigata.
Di anni ne sono passati, ma le crepes sono ancora una mia grande passione, dolci o salate, non fa differenza, basta il solo odore a farmi toccare il cielo con un dito!

Ma ora basta! Andiamo a vedere la ricetta che vi voglio proporre.


La ricetta base delle crepes è quella di Giuseppina: credemi, è veramente fantastica!
Io ve la riporto pari pari a come l'ha scritta lei, senza cambiare una virgola. E poi vi dirò come ho preparato la ganache al cacao, se così la vogliamo chiamare.
Il mio è un dolcetto veloce veloce, senza grandi pretese, ma sicuramente di grande effetto, soprattutto se si hanno ospiti.


La ricetta base
(per  10/12 crèpes)

  • 150 gr di farina O
  • 350 ml di latte
  • 50 ml d'acqua
  • 2 uova medie
  • 1/2 cucchiaino da caffé di sale
  • 30 gr di burro chiarificato per cuocere
Rompete le uova in una terrina,
sbattetele un po con la frusta , cominciate ad aggiungere alternando la farina setacciata e il latte/acqua ,mischiate bene fino ad avere una pastella piuttosto liquida e liscia.
Aggiungete il sale,mischiate e lasciate riposare almeno un'ora .
Fate sciogliere 30 gr di burro chiarificato in un pentolino , scaldate bene la padella per le crépes ,ungetela con il burro usando un pennello ( possibilmente in silicone) versate la quantità di pastella necessaria per una crépe ( per una padella di 22 cm io metto 30 ml di pastella).
Il consiglio che posso dare é di prepararvi un misurino ed avere cosi la dose esatta da versare , in modo da poterla gettare in un colpo solo. A questo punto fate " ruotare" la padella per spargere uniformente la pasta, fate cuocere fino a che sarà ben dorata , quindi giratela e finite la cottura dall'altra parte. E importante cuocerle a puntino perché é questo che dona loro il sapore .



Per il ripieno:
  • 1 confezione di panna fresca
  • 1 cucchiaini di cacao amaro
  • 2 cucchiaini di zucchero a velo.
Montiamo tutto con la frusta amalgamando bene.

Per comporre il piatto, tagliamo con un coppapasta 4 dischi dalle crepes, e le disponiamo su un piatto da portata alternandoli con il ripieno.
Niente di più facile, insomma.
Provare per credere.




mercoledì 7 marzo 2012

Cheesecake classica


A marzo non si sa mai che tempo fa, e per una ottimista come me, la cosa è abbastanza divertente. Stamattina sono uscita di casa (alle sei e venti) che il cielo era nuvoloso, poi verso le nove si è liberato, a mezzogiorno di nuovo nuvole e ora un bel sole che scalda col suo tepore questo splendido inizio di primavera. Appena avrò qualche secondo libero, andrò anche a cercare nei campi qualche asparago selvatico, ma questa è un'altra storia...


Non era proprio possibile a 27 anni non aver ancora preparato una cheesecake... Ho cercato di fare dolci bulgari, torte rovesciate, e altri esperimenti assurdi, ma non avevo mai preparato la cheese...
Finalmente però ce l'ho fatta!
Nella foto c'è il topping al cioccolato, ma voi potete  condirla come preferite, o mangiarla al naturale.


CHEESECAKE CLASSICA

Ingredienti x 6 persone:
  • 100 gr di burro morbido
  • 80 gr di zucchero
  • 4 uova
  • la scorza di un limone grattugiata
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 350 gr di ricotta
Lavoriamo con le fruste elettriche il burro con lo zucchero, la scorza e il succo del limone.
Aggiungiamo le uova una per volta, mescolando bene tra un'aggiunta e l'altra.
Diminuiamo la velocità delle fruste, e uniamo la ricotta.
Versiamo il composto in una teglia da 20 cm di diametro e cuociamo a 160°C per 30 minuti circa.


sabato 3 marzo 2012

Ricordi dell'ACR e Tortine ai kiwi





Gli avvenimenti di questa settimana mi hanno lasciato attonita. Nessuna voglia di raccontare, di parlare, neanche di pensare. Poi ho iniziato a ricordare quante cose felici ho vissuto durante la mia adolescenza, e una la vorrei tanto condividere con voi.
Tanti e tanti anni fa facevo parte dell'ACR (azione cattolica ragazzi) e gli educatori del mio gruppo erano Emanuele M. e Valentina S.
Emanuele era divertente, allegro e oltre a non prendere sul serio sè stesso, non prendeva sul serio neanche la povera Valentina, una ragazza dolcissima e di una bontà esagerata...
Per intenderci, un giorno mentre Vale in preda al raffreddore ci parlava di qualcosa in modo serio, e noi ragazze bisbigliavamo tra di noi dell'ultima puntata di Piccoli Problemi di Cuore (cartone animato molto in voga al periodo), Emanuele a un certo punto si alza e dice: "Fermi tutti! Guardate il naso di Valentina! Non sembra Mastro Ciliegia?", ovviamente tutti siamo scoppiati a ridere per questa uscita così imprevvista. E' uno dei ricordi più spassosi che ho di quei due...

Ma un'altra cosa di cui si ride tanto ancora oggi, sono le tremende torte che preparava Vale.
Ogni compleanno veniva festeggiato con una delle sue torte, e onestamente a chiamarle così mi sembra di esagerare parecchio...Onestamente sembravano anche buone, ma erano praticamente impossibili da mandare giù, troppo burro e troppo troppo asciutte. Era come mangiare 3 Buondì di fila senza bere neanche un sorso d'acqua. Credo di non averne mai finito una fetta intera, e che Manu gettasse la sua nella pattumiera quando Vale non guardava.

Non pensavo a queste cose da anni e anche se è stato un lutto a risvegliarmi la memoria, sono felice di poter condividere queste cose con voi.
Ma ora passiamo al dolce di oggi.
Sono delle tortine molto fresche, adattissime alla stagione estiva, e neanche troppo dolci, decisamente da provare.


Tortine ai kiwi

Ingredienti per 8 tortine:

  • 200 gr di farina 00
  • 1 vasetto di jogurt bianco
  • 100 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 60 ml di olio di arachidi
  • 4 kiwi
  • 1 bustina di lievito
  • 1 cartoncino di panna montata
  • sale
Lavoriamo in una terrina le uova con lo zucchero con le fruste elettriche.
Aggiungiamo l'olio e lo jogurt e continuiamo a mescolare fino ad ottenere un composto spumoso.
Sbucciamo 2 kiwi e frulliamoli, poi aggiungiamoli all'impasto.
Uniamo infine la farina, il lievito e un pizzico di sale.
Disponiamo l'impasto in pirottini larghi e dal bordo basso e cuociamo a 180°C per circa 10-15 minuti.
Una volta che saranno freddi, ricopriamo le tortine con della panna montata e decoriamo con le fettine di kiwi.
Io le trovo molto indicate per accompagnare un buon the  o un caffè nel pomeriggio.

giovedì 1 marzo 2012