sabato 31 marzo 2012

Focaccia croccante e resoconto della mia prima crociera



La scorsa settimana sono partita per la mia prima mini crociera.
Partenza da Civitavecchia il sabato, sosta a Genova la domenica e infine sbarco a Napoli il lunedì mattina.
Facevo da accompagnatrice alla mia amica Sara che facendo l'agente di viaggio viene spesso invitata a provare i pacchetti completamente gratis o quasi...
Stavolta abbiamo pagato solo il volo da Cagliari a Fiumicino e il rientro da Napoli.

Vi riassumo l'esperienza in poche parole: sarei rimasta lì per sempre.
Anche se a dirla tutta è stata una rincorsa senza precedenti! 
Saltavamo dalla Jacuzzi al buffet del pranzo, dal caffè pomeridiano al casinò, dal teatro alla cena... Teoricamente doveva essere un week-end tra ragazze all'insegna del relax, ma abbiamo dormito pochissimo, camminato moltissimo e mangiato di tutto e di più. 
In sostanza mi sono divertita come una matta anche se gli inconvenienti non sono mancati, vedi lo sciacquone del bagno non funzionante proprio quando se ha più bisogno, o le tipe che una volta scese a Napoli ci si sono aggregate e di cui non riuscivamo a liberarci, o le telefonate del responsabile area di Sara che le chiedeva come mai non fosse alla riunione mentre io ero seminuda in un camerino di H&M a misurare vestiti e scarpe e lei mi faceva da supervisore (non immaginate la corsa in metro dal negozio al porto di Genova...).
Credo che la parte maggiore del viaggio sia stata la compagnia.
Capita che si decida di partire con persone che si credevano meravigliose mentre alla fine si scopre di essere in viaggio con dei perfetti stronzi che saremo lieti di vedere divorati dai pescecani. Sara è proprio com'è normalmente divertente e super organizzata. Solitamente sono io quella che si preoccupa di gite, merende, luoghi da visitare, ma stavolta mi sono goduta il fatto di poter delegare tutto a qualcun altro come fanno solitamente i miei amici. Ora li capisco...

Tornata a casa la voglia di rimettermi ai fornelli era tanta, ma ho preferito aspettare di disintossicarmi dalla roba che ho mangiato e poi preparare questa focaccia. Niente di particolare o innovativo, solo un vecchio sapore che è sempre piacevole accompagnare a qualche salume o a una grigliata di carne arrosto (come ho fatto io).





Focaccia al rosmarino

Ingredienti:

450 gr di farina
15 gr di lievito di birra
1 bicchiere di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale abbondante
4 cucchiai d'olio extravergine di oliva
rosmarino 
.
Sciogliamo il lievito nell'acqua e impastiamo con la farina.
Aggiungiamo il sale e 2 cucchiai d'olio.
Lavoriamo ancora e poi mettiamo a lievitare in una ciotola ben coperta da un 
canovaccio in un luogo caldo e asciutto.
Dopo 1 ora circa rilavoriamo l'impasto, aggiungiamo il rosmarino a pezzetti e rimettiamolo a lievitare per altri 30 minuti.
Infine stendiamo sulla teglia, ungiamo la superficie con l'olio rimasto, cospargiamo con qualche altra fogliolina di rosmarino e cuociamo a 200°C per circa 20 minuti.

A me piaceva l'idea di addentare qualcosa di croccante, ma se preferite una focaccia soffice basta stenderla poco, lasciandola a circa 2 cm di spessore.








3 commenti:

Nani ha detto...

Sono contenta che ti sia divertita! Io non amo le crociere.
Buona la focaccia!

Antonella ha detto...

Ciao Roberta come stai? è da tanto che non passo a salutarti :)
Complimenti questa focaccia è "sublime".
Buona domenica delle palme!
Antonella.

elga cappellari ha detto...

Croccante e golosa, la focaccia va sempre bene a qualsiasi ora!

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti! Critiche, consigli e opinioni sono sempre ben accetti, basta che siano espressi con educazione e linguaggio appropriato.