domenica 7 ottobre 2012

Frittelle facili facili


Che disdetta questa foto. 
Ma è l'unica che mi sia uscita vagamente decente. 
Purtroppo oggi è nuvoloso e le giornate si stanno accorciando.
E io sono un'indecisa cronica: a scegliere cosa preparare ci ho messo un'eternità.
Sono partita dalla torta, poi sono passata ai biscotti, e alla fine sono approdata alle frittelle.
Niente di particolare nè difficile da fare.
Solo un dolcetto facile facile per addolcire le prime domeniche autunnali, quelle in cui non si esce ma si sta coccolosi davanti alla tv con una tazza di tè in mano a sentire il vento ululare fuori dalle finestre.

Nella foto vedete le frittelle nella loro versione post frittura, ma se le cospargerete di zucchero a velo, o meglio ancora semolato resterete estasiati.


FRITTELLE FACILI FACILI

120 gr di farina 
3 uova
25 gr di burro
100 gr di zucchero semolato
1 bicchierino di grappa
250 ml di latte 
olio per friggere

Scaldiamo in un pentolino il latte con lo zucchero e il burro.
Appena inizierà a bollire spegniamo il gas e lentamente uniamo la farina setacciata mescolando energicamente con un cucchiaio di legno.
In questo caso la setacciatura della farina è indispensabile per evitare che si formino grumi.
Uniamo a questo impasto la grappa e i tuorli.
Montiamo a neve gli albumi e poi uniamoli al primo composto con movimenti fluidi dal basso verso l'alto.
Scaldiamo l'olio e friggiamo immergendo l'impasto a cucchiaiate.
Doriamo da una parte e dall'altra, poi scoliamo e serviamo calde accompagnate a piacere da zucchero a velo o semolato.

4 commenti:

Ennio ha detto...

Che bell'idea queste frittelle! Sono proprio deliziose! :D

valentina ha detto...

Buoneeee! Brava!!!

SQUISITO ha detto...

Davvero un piattino interessante, da provare!
complimenti!
Buon lunedi!

L'angolo della casalinga ha detto...

Ciao cara, capito nel tuo blog per caso e...caspita! Invitanti queste delizie, mi sa che le proverò a breve!

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti! Critiche, consigli e opinioni sono sempre ben accetti, basta che siano espressi con educazione e linguaggio appropriato.