lunedì 14 gennaio 2013

Bars al cioccolato e mirtilli rossi, ma niente forno

Ennesimo lunedì dopo una domenica di puro cazzeggio, ovvero passato sul divano accanto alla stufa a legna a sfogliare i miei ricettari riflettendo se fosse o meno il momento giusto per riprendere a cucinare per il blog. Ed effettivamente il momento è arrivato. Dopo i bagordi natalizi mi è presa una specie di apatia culinaria per cui anche solo pensare di cucinare qualcosa di più complesso di un piatto di pasta mi metteva in crisi. 
Ed effettivamente dal post Capodanno a oggi siamo sopravvissuti mangiando insalate e piatti semplici.
Ora mi sento abbastanza pronta da preparare qualcosa di più interessante, ma di accendere il forno ancora non se ne parla, per cui mi sono dedicata a preparare un dolcetto velocissimo che non richiede cottura.




BARS AL CIOCCOLATO E MIRTILLI ROSSI

10 biscotti Digestive
4 cucchiai di mirtilli rossi essicati
200 gr di buon cioccolato fondente
50 gr di burro

Sciogliamo il cioccolato e il burro nel microonde.
Sbricioliamo grossolanamente i biscotti mettendoli in una busta per congelare gli alimenti 
e battendoci sopra con un mattarello.
Mescolare tutto e aggiungere i mirtilli.
Stendere il composto ottenuto in uno stampo per dolci foderato di carta forno.
 Mettere in frigo per circa 1-2 ore.
Una volta rassodato tagliare in barrette da circa 2 cm di larghezza.

Conservare in frigo. 
Durano da 2 a 3 giorni.


4 commenti:

Virginia ha detto...

Interessanti! Soprattutto perchè non c è da usare il forno! Fanno proprio al caso mio! Mi sa che saranno il dessert di stasera! ;) baci baci

cannellaezafferano ha detto...

mmm....che idea e che bontà! Ciao

sara non sapeva cucinare ha detto...

bellissimo *_* mi sembra perfetto per la colazione! proverò! baci

Margot ha detto...

Mi intriga il fatto di non dover accendere il forno. Nonostante il freddo anch'io ultimamente sono per le ricette piuttosto veloci!

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti! Critiche, consigli e opinioni sono sempre ben accetti, basta che siano espressi con educazione e linguaggio appropriato.