mercoledì 6 febbraio 2013

Vellutata al limone



Finalmente mi sono ripresa dal Natale. Qualcuno direbbe "Finalmente!" ma le feste unite al lavoro stavolta mi hanno veramente stremata, e gli strascichi si sono fatti sentire per quasi un mese. Non avevo voglia di cucinare, e quindi non avevo nessun tipo di materiale da postare sul blog. Aggiungiamo il fatto che ha piovuto molto e il cielo grigio poco si presta a fare foto che in qualche modo possano risultare appetibili all'esigente popolo del web e il dado è tratto come disse qualcuno.
Ora però la voglia di rimettermi ai fornelli è tornata e con prepotenza mi ha invogliata a sfogliare i miei numerosi ricettari prima, e a cucinare poi il primo piatto che mi sembrasse invitante.

Gira che ti rigira la scelta alla fine è caduta su questa vellutata.
Servono pochissimi ingredienti e ci vogliono sì e no 15 minuti a prepararla.
Ho preparato per 2 persone ma confesso di averla mangiata tutta io per pranzo prima di andare a lavoro, e non me ne pento affatto. E' talmente leggera che si può divorare senza sensi di colpa. Teoricamente si dovrebbe servire tiepida ma per me è molto più buona quando è ben calda per scaldarci nelle (spero) ultime giornate di gelo invernale.

VELLUTATA AL LIMONE

x 2 persone:
1 cucchiaio di burro
1 cipolla piccola
1 cucchiaio di farina
100 ml di latte
mezzo litro di brodo di pollo o di dado
la scorza grattugiata di un limone
succo di mezzo limone
sale
pepe

Rosolare la cipolla tritata nel burro finchè non diventerà trasparente.
Aggiungere la farina mescolando bene per evitare la formazione di grumi.
Versare anche il latte e il brodo.
Aggiungere la scorza di limone e il succo.
Aggiustare di sale e pepe.
Portare a bollore e finire di cuocere per 5 minuti.

3 commenti:

Mariangela Circosta ha detto...

Mmmmmm che buona mai mangiata!

Valentina Marangoni ha detto...

Wow che delizia Roberta! Dev'essere delicatissima!

manu ha detto...

Buono...tutto quello che è al limone è così buono...

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti! Critiche, consigli e opinioni sono sempre ben accetti, basta che siano espressi con educazione e linguaggio appropriato.